Stigghiola : uno dei ” forti ” sapori della Sicilia d’altri tempi.

Ossia, le budellina ovine attorcigliate e cotte…

STIGGHIOLA  SICILIANE

Recita testualmente il Mortillaro, nel dizionario siciliano – italiano, alla voce  <  stigghiola > : ” – 1 – s. f. – Si dice il budello attorcigliato coll’omento per lo più di capretti, agnelli e castrati e sinanco di polli.- 2 – per simil. – Cosa lunga più del giusto “. Infatti, per confermare il concetto o, meglio, per dirla con il nostro dialetto, i stigghiola sunnu ‘i vuredda d’agneddu arrustuti supra ‘u focu. ( libera traduzione : “‘I stigghiola sono le budelline di agnello da latte poste sulla gratelle e arrostite sul fuoco vivo ” ). In altre parole, ‘i stigghiola sono una specialità culinaria, prettamente ed esclusivamente siciliana, dal gusto forte, ma unico, ( che, a dire il vero, non tutti gradiscono ) appartenente alla tipicità dei piatti tradizionali isolani, che, oggi, rischiano, purtroppo, di scomparire nell’oblio omologante degli anonimi fast food. Nondimeno, qualcuno, adesso, potrà obiettare, disgustato : ” Ma che schifezza ! Lungi da me, non mangerò mai e poi mai tale porcheria !”. Ebbene, signori, occorre provare per credere ! Comunque sia, esistono diversi tipi di stigghiola presenti nelle varie località isolane, ma il primato, a quanto sembra, può essere attribuito alla città di Palermo, dove ancora ‘i stigghiulara, pur in via d’estinzione, preparano per la strada questa sorta di saporiti spiedini. A dire il vero, ‘I stigghiola sono un piatto della cucina povera siciliana e non sono altro che le budellina di agnello ( anche di capretto o pollo ) “sgrasciati ” (puliti e ripuliti) sotto l’azione dell’acqua corrente del rubinetto, poi salati e, quindi, opportunamente arrotolati attorno a un tenero cipollotto o porro, con l’aggiunta di gambi di tenero prezzemolo e/o di sedano, ” velo di polmone ” o “lardo ” ( opzione facoltativa ), fino ad ottenere la particolare forma di spiedini oblunghi ( alcuni aggiungono proprio uno spiedino di legno durante la preparazione ). In particolare, tale forma allungata confermerebbe l’etimologia del termine “ stigghiola “che, nel dialetto siciliano, sta ad indicare la figura di un uomo lungo e sciocco. In ogni modo, ‘i stigghiola si possono cucinare fritti o sulla brace e poi consumati caldi con succo di limone. In aggiunta a quanto già detto, questo semplice piatto tipico siciliano ha avuto nel tempo parecchi e notevoli apprezzamenti seguiti da altri riconoscimenti ufficiali, tant’è che è stato inserito nella lista di prodotti agroalimentari tradizionali italiani ( PAT ) del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali ( MIPAAF ). Come già detto prima, ‘i stigghiola, patiscono i tempi contemporanei, troppo frettolosi e distratti dietro alle mode culinarie esterofile, del takeaway, che, talvolta, anzi molto spesso, non si attagliano nemmeno al nostro modo di intendere l’arte della cucina nostrana, specialmente quella mediterranea in quanto tale. Allora, nella maggior parte dei casi, la vista di quelle interiora ovine, un po’ di fumo di brace negli occhi, la poca cenere che svolazza qua e là, che potrebbe provocare uno sgradito tanfo alle vesti rigorosamente griffate, l’intenso e penetrante olezzo delle budellina sul fuoco possono far arretrare gli, inorriditi, degustatori. Allo stesso modo, o peggio, far arricciare il naso al possibile consumatore, divenuto, nel frattempo, fin troppo attento, o ancora un raffinato gourmet ( ?! ), ma eccessivamente schifiltoso nel palato, o, all’ospite della masseria o dell’agriturismo vattelappesca,  che offre, nel menù, le sopracitate preparazioni, decisamente rare. Peccato, perché gli autentici e forti sapori siciliani d’una volta, assolutamente inimitabili, assimilabili all’antica tradizione contadina, andrebbero riscoperti con curiosità e accuratezza, magari scegliendo la formula non massiva e consumistica dell’approccio. In altri termini, sarebbe preferibile imparare la manualità, i segreti, le piccole procedure, l’indiscusso e vecchio amore per i prodotti della terra o l’oculatezza del risparmio familiare che prevedeva, tra l’altro, la semplice regola del ” non si butta via niente “. Oltre a ciò, bisognerebbe, sperimentare in privato, sì, nella propria cucina alle prese con i fornelli, l’emozione dello sfrigolare dei cibi veraci sui fornelli, del dare nuova vita a certi straordinari piatti dalla semplicità spiazzante, dello riscoprire le piccole prelibatezze culinarie che provengono dalla tradizione, dal passato, dalle tramontate usanze quotidiane delle nostre famiglie, delle nostre ave. Concludendo, tutto ciò non è del tutto tempo perso : anche così ci si riappropria dell’anima smarrita delle nostre tradizioni, della terra calcata dai padri.

Gioacchino Di Bella

L’uso del testo e/o delle immagini contenute su questo sito, sia per intero che parziale, senza previa autorizzazione è proibita. Per ogni uso delle immagini e dei testi siete pregati di contattare anticipatamente.
Il contenuto di questa pagina e tutti i contenuti del sito https://gioacchinodibella.it ( testi, immagini ecc.) sono di proprietà intellettuale dell’autore e sono soggetti a ”Riproduzione Riservata”; ne è quindi vietata, ai sensi della Legge 633/41, la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione scritta.

  • Stigghiola

Ciao ! Alla prossima...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: