“Sbullonando”, ovvero un racconto della fragilità e crudeltà dell’adolescenza

UDA per la classe prima della Scuola secondaria di primo grado ( terzo esempio )

UNITA’ DI APPRENDIMENTO ( 3 )

Loghi istituzionali

            Denominazione Istituto e città
Personalizzare i dati da utilizzare

“Sbullonando”, ovvero un  racconto della  fragilità e crudeltà dell’adolescenza

FASE 1.
Titolo/Denominazione“Sbullonando”, ovvero un  racconto della  fragilità e crudeltà dell’adolescenza
Anno scolasticoAnno scolastico
PlessoIstituto di riferimento
ClasseClasse prima
Discipline coinvolte e/o campi di esperienzeItaliano – Storia –Ed. Cittadinanza – Religione -Tecnica – Arte – Matematica – Musica – Lingue straniere, Scienze Motorie
Tempi di realizzazione Febbraio – Marzo ( periodo puramente indicativo )
Compito di realtàElaborazione di un racconto e/o tema sulla problematica trattata oppure a scelta, testo misto (giornalistico), filmato o storytelling, clip da condividere sul sito web della scuola o  con i genitori (specifico dibattito, incontro e confronto)
  

 

Fase 2.
 
Competenze chiaveCompetenze disciplinari 2
IMPARARE AD IMPARARE Italiano, – Lingue straniere, Musica, Scienze Motorie, Arte e ImmagineSintetizza racconti, brani, articoli di quotidiano attraverso domande sul senso globale (CHI, CHE COSA…)  Espone oralmente argomenti all’interno della classe e in contesti diversi. Elabora testi giornalistici sul tema  Esprime i sentimenti che suscita l’ascolto di brani musicali Esprime sentimenti di solidarietà nei giochi di squadra e nelle coreografie ginniche sul tema. Elabora creativamente produzioni personali e autentiche per esprimere sensazioni ed emozioni   
  COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA    Adatta opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori, realizzando scelte lessicali adeguateProduce testi multimediali, utilizzando in modo efficace l’accostamento dei linguaggi verbali con quelli iconici e sonoriUsa manuali delle discipline o testi divulgativi (continui, non continui e misti) nelle attività di studio personali e collaborative, per ricercare, raccogliere e rielaborare dati, informazioni e concetti; costruisce sulla base di quanto letto testi o presentazioni con l’utilizzo di strumenti tradizionali e informatici  
COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIAUtilizza adeguate risorse materiali, informative e organizzative per la progettazione e la realizzazione di semplici prodotti, anche di tipo digitale  
COMPETENZA DIGITALEConosce i rischi e le potenzialità della rete. Utilizzare le reti e gli strumenti informatici nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare. Realizza storytelling Utilizzare con dimestichezza le più comuni tecnologie dell’informazione e della comunicazione, individuando le soluzioni potenzialmente utili ad un dato contesto applicativo, a partire dall’attività di studio.
SPIRITO DI INIZIATIVA E IMPRENDITORIALITAEffettuare valutazioni rispetto alle informazioni, ai compiti, al proprio lavoro, al contesto; valutare alternative, prendere decisioni. Pianificare e organizzare il proprio lavoro; realizzare semplici progetti  
COMPETENZE MATEMATICHERicava informazioni da dati rappresentati in tabelle e grafici Applica le tecniche di calcolo opportune allo scopo (percentuali)Sa costruire tabelle e grafici.
COMPETENZE SOCIALI E CIVICHESa includere fra le sue amicizie persone con caratteristiche diverse. Rispetta le regole di convivenza quotidiana. Partecipa collaborando attivamente alla vita comunitaria. Interiorizza i contenuti dell’Art.3 della Costituzione. Esprimere e manifestare riflessioni sui valori della convivenza, della democrazia e della cittadinanza; riconoscersi e agire come persona in grado di intervenire sulla realtà apportando un proprio originale e positivo contributo
Fase 2.0.
Analisi del target/classe. Effettuata a inizio anno scolastico attraverso la somministrazione di schede, di questionari specifici per la rilevazione degli stili di apprendimenti, degli interessi e motivazioni nei confronti delle fasi progettuali esposte.   emplificate.irivilegiando e seguono attività differenziatee nel laboratorio per le attività alternative visto che non effettuan
Fase 2.1. 
AbilitàConoscenzeDiscipline
Sperimentare liberamente, anche con l’utilizzo del computer, diverse forme di scrittura, adattando il lessico, la struttura del testo, l’impaginazione, le scelte grafiche alla forma testuale scelta e integrando eventualmente il testo verbale con materiali multimediali.Varietà lessicali in rapporto ad ambiti e contesti diversi: linguaggi specificiContesto, scopo, destinatario della comunicazioneItaliano
Leggere testi   ( narrativi descrittivi, espositivi) cogliendo l’argomento di cui si parla individuando le informazioni principali e le loro relazioni. Produrre semplici testi giornalisticiContesto, scopo, destinatari della comunicazione scritta  Conoscenza di una problematica giovanile attuale.Conoscenze delle agenzie educative di riferimentoItaliano – Lingue straniere
Saper tollerare gli altri. Saper accettare la diversità.Approccio alla conoscenza di problematiche giovanili contemporanee. Consapevolezza del valore dell’ “altro”CITTADINANZA E COSTITUZIONE
Rappresentare sensazioni ed emozioni in modo creativo. Produrre creativamente e in modo personale un logo che evidenzia il NO al bullismo  Utilizzare il linguaggio visivo per produrre varie tipologie di testi visivi (espressivi, narrativi, rappresentativi e comunicativi) e rielaborare in modo creativo le immagini con molteplici tecniche, materiali e strumenti (grafico-espressivi e multimediali).Ideazione e progettazione di  elaborati ricercando soluzioni creative originali, ispirate anche dallo studio dell’arte e della comunicazione visivaScelta delle tecniche e i linguaggi più adeguati per realizzare prodotti visivi seguendo una precisa finalità operativa o comunicativa, anche integrando più codici e facendo riferimento ad altre discipline Arte e immagine
Leggere e interpretare grafici e tabelle. -Saper rappresentare informazioni su grafici e tabelle.Fasi di un’indagine statistica,  identificare il campo di indagine, formulare un questionario, raccogliere dati, organizzarli in grafici)  Lettura di grafici e tabelle. Le percentuali.  Conoscenza dei diversi tipi di rappresentazione dei grafici (aerogramma, istogramma…)Matematica
Partecipare a giochi rispettando le regole e gestendo ruoli ed eventuali conflittiComporre squadre omogenee per giochi di gruppo. Esprimere attraverso il corpo sensazioni e stati d’animoControllo e gestione delle squadre e dell’arbitraggio. Scelta di passi e movimenti ritmici sul temaScienze Motorie
Ascolto di brani e commenti sulle emozioni e sensazioniConoscenza di vari generi musicaliMusica
Utilizzare le più comuni tecnologie: word, power point, internet, semplici strumentazioni di video produzioneScelta tra i diversi mezzi di comunicazione e uso adeguato a seconda delle diverse situazioni. Conoscenza dei programmi per la realizzazione di filmati .Competenze digitali
Fase 3 – Progettazione delle fasi dell’UdA
Fasi di lavoro: tempiCompiti reali Autentici    Elaborazione di un racconto e/o tema  sulla problematica  trattata oppure a scelta, testo misto (giornalistico), filmato o storytelling, clip da condividere sul sito web della scuola o  con i genitori (specifico dibattito, incontro e confronto  Metodologia e Strategie didattiche [1]Organizzazione del lavoroStrumenti e ambiente
I fase 3 settimanePresentazione dell’UDA e del compito di realtà.Introduzione all’argomento.Somministrazione di un questionario per valutare le preconoscenze e le motivazioni individuali in riferimento al progetto di lavoro. Studio problematiche giovanili bullismo e cyber bullismoRaccolta di eventuali spunti ideativi, e classificazione dei dati iniziali. Analisi delle preconoscenze degli alunni  Ascolto di eventuali racconti personali.  Brainstorming Cooperative- learning Tutoring Circle time Cassetta del disagio Metodo induttivo/deduttivo analogico   Procedure di Apprendimento   Problem posing Interpretazione. Interazione. Elaborazione. Realizzazione. Riflessione per l’autocorrezioneL’insegnante organizza l’attività:
-Lezione frontale;
-Lavoro di ricerca di gruppo -attività di laboratorio -studio individuale


   
Strumenti/ materiali: Libri di testo Formulario Software Computer  Cartelloni  Schede di comprensione   Videocamera, fotocamera   Ambiente: Aula Spazi esterni alla scuola            
II fase 3 settimaneConsegna agli studenti e avvio dei lavori di gruppo:   Divisione dei gruppi e dei ruoli specificiPresentazione del format visivo e delle finalità educative in esso esplicitate.Realizzazione di un logo del progetto Eventuale scelta del testo e format  giornalistico Ricerca di informazioni e immagini (dal web e dai materiali cartacei offerti dai docenti)Simulazione delle scene, sequenze.Scelta dei materiali per la realizzazione di scenari, fondali e costumi.Creazione del testo, selezione delle immagini,  stesura e revisione del testoProdotto  finale ( video )
III fase 1 settimanaPubblicazione sul sito della scuola di riferimento eventuale diffusione del materiale sul web o  invito al dibattito con i genitori, Valutazione del prodotto. Autovalutazione degli studenti.
Fase 4 – La valutazione dell’UdA – tab. A
Fase di lavoroIndicatori Elenco di indicatori riferiti agli obiettivi/competenze Organizzazione: chi valutaStrumenti
Valutazione di processo    inizialebaseintermedioavanzato I docenti coinvolti nella realizzazione dell’UdA    Osservazioni sistematiche e griglie di valutazione.      
Autonomia    
Relazione    
Partecipazione    
Responsabilità    
Fase 5 – Valutazione di prodotto  – tab. B
Fase finaleCompito di realtà: singolo studente   gruppi di lavoroChi valuta? DOCENTI : Italiano – Storia –Ed. Cittadinanza – Ed. Fisica – Tecnica – Arte –Matematica-  Musica – Lingue straniere –  Scienze Motorie ALUNNI Autovalutazione della propria performance; gradimento delle attività  

[1] Problem posing. Gli allievi iniziano il percorso di apprendimento  sempre da una domanda/problema.

Investigazione. Gli allievi progettano e avviano l’investigazione.

Interpretazione. Gli allievi fanno ipotesi e forniscono spiegazioni   quanti/qualitative orali e, successivamente, scritte su quanto  investigato. Il docente interviene con domande che  favoriscano la connessione e l’interpretazione dei concetti, dei processi.

Interazione. Gli allievi confrontano il proprio pensiero con quello degli altri allievi del gruppo.

Elaborazione. Gli studenti confrontano le informazioni, ricavate dall’investigazione e discusse coi colleghi, con quanto già  conoscono per sviluppare, per connetteree consolidare i concetti Realizzazione. Gli studenti mobilitano le loro conoscenze per dare risposte al problema iniziale

Riflessione per l’autocorrezione. Gli studenti ricostruiscono il processo di costruzione dell’apprendimento. Individuano le difficoltà incontrate, rivisitano i loro comportamenti e atteggiamenti di fronte alle difficoltà

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Vai alla barra degli strumenti