Scrusciu scuetu

Scrusciu scuetu - una poesia in lingua siciliana di Gioacchino Di Bella

La poesia Scrusciu scuetu è stata da me composta nella bella San Vito Lo Capo, il 27 agosto 2019. Versi amari che descrivono la bellezza del mare e dei luoghi siciliani, a noi così cari, ma, nel contempo, ne cristallizzano la crudele immutabilità dei ruoli e delle trame sociali, dure a morire. Una stagnazione del tempo, assai stigmatizzata quasi fosse una dura critica agli aspetti fin troppo stereotipati della “stella di terra” che è la Sicilia. La poesia ha ricevuto il riconoscimento di “finalista” nella seconda edizione del Premio Letterario Nazionale di Ascoli Piceno, nella sezione Poesia in vernacolo, con proclamazione in diretta Facebook nel novembre 2020.

Gioacchino Di Bella

Salemi. 7 novembre 2020

L’uso del testo e/o delle immagini contenute su questo sito, sia per intero che parziale, senza previa autorizzazione è proibita. Per ogni uso delle immagini e dei testi siete pregati di contattare l’autore con largo anticipo, mediante e-mail. Il contenuto di questa pagina e tutti i contenuti del sito (testi, immagini ecc.) sono di proprietà  intellettuale dell’autore e sono soggetti a “Riproduzione Riservata“; né è, quindi,  vietata, ai sensi della Legge 633/41, la riproduzione, anche parziale, senza esplicita autorizzazione scritta.